Rossella Ruini, il soprano che ama Geoff Tate

Stasera, all’Ambra Jovinelli (ore 21), appuntamento con le Incanto, il quartetto di soprani che ha fatto incontrare la musica classica con il pop.

Ne abbiamo parlato con Rossella Ruini.

C’è un fil rouge nella scelta delle canzoni di questo spettacolo?

Sì, vuole essere un percorso emotivo attraverso le più belle canzoni italiane e internazionali di sempre. Alcune, le eseguiremo live per la prima volta e costituiranno una bella sfida per noi, perché si discostano sensibilmente da quello che abbiamo fatto fino ad ora.

Esiste qualche differenza sostanziale tra le Incanto e la vostra precedente incarnazione come Div4s?

Prima, oltre ad essere meno esperte, eravamo più ancorate ad un approccio legato alla nostra estrazione classica, mentre oggi siamo molto più aperte alla musica contemporanea. Vogliamo arrivare a definire uno stile nuovo, meno tradizionale, che ci consenta di raggiungere quante più persone possibili.

Qual è la vostra dimensione scenica preferita, se ne avete una?

Il teatro, perché crea una maggiore intimità con il pubblico. In futuro, però, ci piacerebbe che la nostra performance diventasse una sorta di crocevia artistico, aumentando gli inserti video e introducendo elementi come la danza.

C’è ancora molta diffidenza verso esperimenti di crossover musicale come il vostro?          

Sì, soprattutto tra gli esperti di settore. Da una parte, ci sono quelli della musica classica che sono rimasti agganciati a certi rigori d’impostazione; dall’altra, l’universo pop considera i musicisti classici l’emblema di un mondo “vecchio”. Lavoriamo duro anche per superare questo tipo situazione. Un po’ come dovette fare anche il grande Pavarotti all’inizio del suo progetto “Pavarotti & Friends”. Di certo, per quel che mi riguarda, il concetto di confini musicali da non valicare è qualche cosa di completamente estraneo alla mia impostazione mentale, oltre che canora. Basti pensare che, prima di virare con decisione verso il percorso classico, io nasco come cantante di heavy metal, innamorata degli Iron Maiden e, soprattutto, dei Queensrÿche. Penso che il mio vibrato debba moltissimo a Geoff Tate (il cantante storico del combo di Bellevue, ndr)!

Quando non vi esibite, siete amiche?                               

Siamo come una famiglia. In tutti questi anni ne abbiamo passate tante insieme e questo ci ha davvero avvicinato. Certo, come in ogni famiglia, esistono qualche volta le litigate o le piccole incomprensioni, ma il nostro è un legame davvero profondo. Siamo un po’ come “Piccole Donne”.

C’è un artista tra quelli con i quali vi siete esibiti che vi ha dato qualcosa in più degli altri?

A livello di umanità, direi senza dubbio Michael Bolton, un autentico gentiluomo. E naturalmente Andrea Bocelli che, oltre ad essere il mostro sacro che è dietro al microfono, ha fatto moltissimo per noi, regalandoci spazio e fiducia quando non eravamo nessuno. Saremo legate a lui per sempre.

Cosa ha provato a prestare la sua voce a personaggi come Mulan o Cinderella? Se glielo chiedessero ancora, continuerebbe a farlo?

Certo, magari! Quando mi è capitata per la prima volta la possibilità di vivere questa straordinaria esperienza, non faccio fatica ad ammettere che per me si è trattato di un sogno che si avverava. I personaggi della Disney e dei cartoni animati in generale aiutano a ripercorrere l’infanzia, uno dei periodi più belli e amati che la maggior parte delle persone possa ricordare. Essere Mulan o Cinderella dà delle emozioni incredibili, che una cantante vorrebbe non finissero mai. Peccato che, con il fisiologico passare degli anni, la voce cambi e, quindi, possa non essere più adatta per questo tipo di interpretazioni. In ogni caso, se dovessi essere ricontattata e giudicata  ancora “adeguata”, non mi tirerei certo indietro.

Vuoi far leggere questo contenuto ai tuoi contatti? Condividilo ora.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone

Lascia un commento

Utilizzando il sito e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi